CIAO – Coalition of Italian American Organizations

SFIAC officers (left to right): Chuck Canepa, 2nd VP, Guido Perego, President &Manuele LaTorre, 1st VP. Brandon Vaccaro Photography

On September 20th, 2017, history was made in San Francisco’s North Beach District when the San Francisco Italian Athletic Club (SFIAC) hosted the Northern California Italian American Symposium. The SFIAC, a treasured, 100-year-old institution, invited representatives from 39 Italian organizations to attend what proved to be a ground-breaking event. The meeting  was held at the SFIAC building, 1630 Stockton Street, in the heart of the City’s Little Italy.  

L’Italo-Americano was one of the invitees, which offered the opportunity to experience first-hand a one of a kind gathering of community organizations, including the Istituto di Cultura, the Associazione Nazionale Carabinieri, Il Cenacolo, the Italian Catholic Federation, Italian Community Services, the Italian Heritage Committee, the Knights of St. Francis, the Leonardo da Vinci Society, the Madonna Del Lume, the Museo ItaloAmericano and San Jose Little Italy. Also in attendance was San Francisco Italian Consul General, Lorenzo Ortona. 

Cynthia Marcucci, KQED Public Media Host & Paolo Barlera, Director SF Italian Cultural Institute. Photo: Brandon Vaccaro Photography

When L’Italo-Americano asked SFIAC President, Guido Perego, to describe the intent of the symposium, he replied, “We set out to bring all California Bay Area Italian organizations to the table to talk about how we can have better communication between all organizations. Part of the impetus was a result of the rapidly declining visibility of contributions by Italians. These contributions have been significant in many industries, public projects and social ways. It is growing more evident, however,  that if we do not cooperate among the various organizations, we risk the future loss of our presence for generations to come.

David Perzinsky, President San José Italian American Heritage. Photo: Brandon Vaccaro Photography

“Our mission is to have better communication and collaboration. Our first goal, the creation of a website to be shared by organizations, was received extremely well and work has already begun by the Marketing & Communications Committee in accomplishing this. What makes this even more significant is that the committees consist of various Italian organizations working cooperatively toward a mutual goal. 

“The main objective of the evening was to form the five committees, schedule their first  meetings, and then report back at the next CIAO meeting, which will take place in January 2018.”

Lorenzo Ortona, San Francisco Italian Consul General. Photo: Brandon Vaccaro Photography

CIAO stands for Coalition of Italian American Organizations, and the committees formed were Language, Marketing & Communications, Social, Advocacy, and Culture. 

SFIAC President Perego said, “The symposium, or beginning of ‘CIAO,’  was a great success. We have dates on the calendar for two of the committees and are reaching out to see what the others are scheduling. 

Rich Puppione, President, Colombo Club. Photo: Brandon Vaccaro Photography

“The success of the evening is demonstrated by the amount of positive feedback and updates on how the committees are being structured moving forward. Lasting success is something that only the future will tell. The website will be the most telling as it will take financial assistance from all, and if we achieve this, we will move forward on all fronts.

“This is unprecedented in the cross over of having various organizations collaborate for the benefit of one another. It is actually happening and I am hoping that the momentum keeps going. We have a few ideas on stimulating this momentum so our outlook at this time is very promising.”

SFIAC Chief Operating Officer, Nick Figone, facilitated group interaction and discussion by inviting representatives from the different organizations to speak about a number of issues including strengthening of social media participation, better communication between organizations, building awareness among young people and new arrivals from Italy, and implementation of new recruitment strategies. Political concerns, such as the removal of the Christopher Columbus statute from San Jose City Hall, also emerged.

Gianrico Pierucci, former SFIAC President and current board member, inspired attendees by saying, “We are all here together to strengthen and unify the Italian community. We are going to unite and do good things for the Italian Community for years to come.

The SFIAC has a remarkable history of over 100 years but need to look to the future and plan for the next 100 years. The City is changing and if we as Italians and Italian organizations don’t adapt, we will not be here for the next 100 years. We need to embrace change.”

It is fitting that the SFIAC initiated, hosted, and facilitated the September 20th symposium, as the Club has been a significant San Francisco landmark organization for decades.  

Italians have made the San Francisco Bay Area home for well over 150 years. Early arrivals found solace and camaraderie among their fellow paesani forming clubs and fraternal organizations. Among them were the Circolo Recreativo Italiano Virtus in 1917, followed in 1919 by the Sportiva and the Sporting Club Italia, which eventually merged under the name of Italia Virtus Club, later called the Unione Sportiva Italiana Virtus.  Their main aim was to erect a modern clubhouse for members on the site of the current SFIAC building. On June 1, 1936, under the new name of Italian Athletic Club, they moved into their new building at 1630 Stockton Street, which they still occupy today. In 1978, members decided to re-insert the word Italian to the name and thus became the San Francisco Italian Athletic Club.

The SFIAC celebrates their 100th anniversary beginning later this year and continuing through 2018.  L’Italo-Americano will feature a SFIAC 100 year anniversary tribute article in an upcoming issue. 
 

Il 20 settembre 2017 si è scritta la storia nel quartiere di North Beach a San Francisco, quando il San Francisco Italian Athletic Club (SFIAC) ha ospitato il Simposio italo-americano della California del Nord. SFIAC, un’apprezzata istituzione centenaria, ha invitato i rappresentanti di 39 organizzazioni italiane per assistere a ciò che si è rivelato un evento di grande rilievo. L'incontro si è tenuto nella sede dello SFIAC, al 1630 di Stockton Street, nel cuore della Little Italy della città.  

L'Italo-Americano è stato uno degli invitati, cosa che ha offerto l'opportunità di sperimentare in prima persona una riunione di organizzazioni comunitarie, tra cui l'Istituto di Cultura, l'Associazione Nazionale Carabinieri, il Cenacolo, la Federazione Cattolica Italiana, Italian Community Services, il Comitato del Patrimonio dell'Italia, i Cavalieri di San Francesco, la Società Leonardo da Vinci, la Madonna Del Lume, il Museo Italo-Americano e San Jose Little Italy. Presente anche il Console Generale d’Italia di San Francisco, Lorenzo Ortona.

Quando L'Italo-Americano ha chiesto al presidente SFIAC, Guido Perego, di descrivere l'intento del simposio, lui ha risposto: "Abbiamo deciso di raccogliere tutte le organizzazioni italiane della Bay Area della California intorno ad un tavolo per parlare di come possiamo avere una migliore comunicazione tra tutte le organizzazioni. Parte dell’intento dipende dalla visibilità in rapido calo dei contributi degli italiani. Questi contributi sono stati significativi in molte industrie, progetti pubblici e sociali. Sempre più evidente, comunque, è che, se non collaboriamo tra le varie organizzazioni, rischiamo di perdere in futuro la nostra presenza per le generazioni a venire. La nostra missione è avere una migliore comunicazione e collaborazione. Il nostro primo obiettivo, la creazione di un sito web che sia condiviso tra le organizzazioni, è stato ricevuto molto bene e il Comitato di Marketing e Comunicazione ha già iniziato a realizzare questo lavoro. Ciò che rende questo ancor più significativo è che i comitati sono costituiti da varie organizzazioni italiane che cooperano per un obiettivo comune.

L'obiettivo principale della serata era formare cinque Comitati, pianificare i loro primi incontri e poi riferire alla prossima riunione di CIAO, cosa che si terrà nel gennaio 2018".  

CIAO sta per Coalizione delle Organizzazioni Italoamericane e i Comitati costituiti sono Lingua, Marketing e Comunicazione, Sociale.

Il presidente SFIAC, Perego, ha dichiarato: "Il simposio, o l'inizio del ‘CIAO’, è stato un grande successo. Abbiamo le date sul calendario per due dei comitati e stiamo cercando di vedere cosa stanno pianificando gli altri”.

"Il successo della serata è dimostrato dalla quantità di commenti positivi e aggiornamenti su come i Comitati sono strutturati strada facendo. Il successo duraturo è qualcosa che ci dirà solo il futuro. Il sito dirà di più quando riceverà assistenza finanziaria da tutti, e se riusciremo, andremo avanti su tutti i fronti”.  

"Questo è senza precedenti nell’obiettivo di avere diverse organizzazioni che collaborano per il beneficio le une delle altre. In realtà sta succedendo e spero che lo slancio continui. Abbiamo alcune idee per stimolare questo slancio, quindi la nostra prospettiva in questo momento è molto promettente ".

Il Chief Operating Officer di SFIAC, Nick Figone, ha facilitato l'interazione del gruppo e la discussione invitando i rappresentanti delle diverse organizzazioni a parlare di una serie di temi, tra cui il rafforzamento della partecipazione dei social media, una migliore comunicazione tra le organizzazioni, come costruire la sensibilizzazione dei giovani e dei nuovi arrivati dall'Italia, e l'attuazione di nuove strategie di reclutamento. Sono emerse anche le preoccupazioni politiche, come la rimozione della statua di Cristoforo Colombo dal Municipio di San Jose.  

Gianrico Pierucci, ex presidente SFIAC e attuale membro del consiglio di amministrazione, ha ispirato i partecipanti dicendo: "Siamo tutti qui insieme per rafforzare e unificare la comunità italiana. Stiamo lavorando per unire e fare buone cose per la comunità italiana per gli anni a venire. SFIAC ha una storia notevole di oltre 100 anni, ma deve guardare al futuro e pianificare i prossimi 100 anni. La città sta cambiando e se noi come italiani e come organizzazioni italiane non ci adattiamo, non saremo qui nei prossimi 100 anni. Dobbiamo abbracciare il cambiamento".

È l’adattamento che SFIAC ha avviato, ospitato e facilitato il simposio del 20 settembre, in quanto per decenni il club è stata un'importante organizzazione di riferimento a San Francisco. Gli italiani hanno reso la Bay Area di San Francisco una casa da ben oltre 150 anni. I primi arrivati hanno trovato sollievo e cameratismo tra i loro compagni paesani formando club e organizzazioni fraterne. Tra essi c’erano il Circolo Ricreativo Italiano Virtus del 1917, seguito nel 1919 dalla Sportiva e dallo Sporting Club Italia, che alla fine si unirono sotto il nome di Italia Virtus Club, successivamente chiamato Unione Sportiva Italiana Virtus. Il loro obiettivo principale era quello di costruire un club moderno per i membri sul sito dell'attuale edificio SFIAC. Il primo giugno del 1936, sotto il nuovo nome di Club Atletico Italiano, si trasferirono nel loro nuovo edificio al 1630 di Stockton Street, che occupano ancora oggi. Nel 1978, i membri hanno deciso di reinserire la parola italiana nel nome e così è diventato il Club sportivo italiano di San Francisco.  

SFIAC festeggerà il suo 100° anniversario, iniziando più tardi quest'anno e proseguendo nel 2018. L'Italo-Americano presenterà in un prossimo numero un articolo di tributo sul centesimo anno di SFIAC.

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Cycling in Ferrara - Emilia Romagna’s city of bicycles

Ferrara: oh, the tragedy of having overlooked this beauty of an Italian city for so many years! But we’re in the good company of a whole lot of other...

Nicoletta Machiavelli: from Italian movie star to Seattle language teacher

The camera loved Nicoletta Machiavelli, a sultry, dark-haired Italian beauty best known for her roles in the spaghetti westerns of the 1960s. She co-...

Bologna, capital of rediscovered flavors and “Made in Italy” culinary culture

For the longest time, Bologna has been happily known as “The Learned,” “The Fat,” or “The Red.” Until a few months ago, however, the city seemed to...

Italian fashion helps victims of Northern California fires

On Saturday, October 14, 2017, San Francisco’s Museo Italo Americano hosted a fundraising event organized by Isabella Weiss di Valbranca and...

An Italian November made of cinema and good food

We’ve just left behind this year’s celebrations - and controversies - of the Italian Heritage Month and only started thinking about our Thanksgiving...

Weekly in Italian

Recent Issues