Dal palcoscenico senza palco, il violoncello di Mario Brunello

Dal palcoscenico senza palco, il violoncello di Mario Brunello

Il violoncellista Mario Brunello sogna un coro in ogni scuola. Crede nella musica classica libera dai cliché e dai rituali del concerto che allontanano i giovani. Pensa a musicisti, “scesi dalle torri d’avorio, disponibili a raccontarsi in pubblico”. Esegue performance in cui la musica si incrocia con poesia e pittura. Si esibisce con Claudio Abbado e duetta con Marco Paolini. Inventa palcoscenici senza palco. Straripante, visionario Tant’è multiforme la sua attività di musicista e sperimentatore culturale che si rischia perfino di dimenticarsi che stiamo parlando di uno dei maggiori violoncellisti viventi capace, nel 1986, a soli 26 anni, di andare a Mosca ad aggiudicarsi, primo e unico violoncellista italiano, un premio come l’ambitissimo “Tchaikovski”.

Un artista che si esibisce da anni col suo inseparabile “Maggini” del ‘600 nei maggiori teatri del mondo, diretto da mostri sacri come Riccardo Muti o Zubin Mehta, o assieme a solisti del calibro di Gidon Kramer e Frank Peter Zimmermann. Le sue incisioni delle suites per violoncello di Bach sono ormai un “classico”. E la musica di Bach e l'arte interpretativa di Mario Brunello formano un binomio solido, un amore inestinguibile che mescola emozione e intelligenza oltre ogni routine. Brunello si presenta sempre più di frequente nella doppia veste di direttore e solista dal 1994, quando fondò l'Orchestra d'Archi Italiana, con la quale ha una intensa attività sia in Italia che all’estero. E in questa doppia veste si esibirà all'Auditorium del Parco.

Nell’ambito della musica da camera collabora con celebri artisti, tra i quali Gidon Kremer, Yuri Bashmet, Martha Argerich, Andrea Lucchesini, Frank Peter Zimmermann, Isabelle Faust, Maurizio Pollini.
Nella sua vita artistica Brunello riserva ampio spazio a progetti che coinvolgono forme d'arte e saperi diversi (teatro, letteratura, filosofia, scienza), integrandoli con il repertorio tradizionale. Interagisce con artisti di altra estrazione culturale, quali Uri Caine, Paolo Fresu, Marco Paolini, Gianmaria Testa, Margherita Hack, Moni Ovadia e Vinicio Capossela. Attraverso nuovi canali di comunicazione cerca di avvicinare il pubblico a un'idea diversa e multiforme del far musica, creando spettacoli interattivi che nascono in gran parte nello spazio Antiruggine, un’ex-officina ristrutturata, luogo ideale per la sperimentazione.

È accademico di Santa Cecilia, direttore musicale del Festival Arte Sella, direttore artistico del Premio Borciani e del Festival Internazionale del Quartetto di Reggio Emilia. Con I Solisti Aquilani eseguirà il Concerto in mi maggiore per violino di S. Bach, V & V per violino, archi e nastro  di   G. Kancheli, ancora Bach con il Concerto in la maggiore per oboe d'amore e il Concerto in fa maggiore per oboe d'amore,  “Fratres”, per violino, archi e percussioni   di A. Part e infine ancora Bach con il  Concerto in sol minore per violino o oboe.  Tutti i brani verranno eseguiti con il cosiddetto "violoncello piccolo", una variante antica del violoncello,  "che ha la stessa accordatura del violino, ma ha un'ottava più bassa. Così la musica - ci spiega Brunello - acquista più colore e grana".

 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Quattro orizzonti cinematografici all'Ischia Film Festival 2018: Salvatores, Muccino, Verdone e Greenaway

Quattro orizzonti cinematografici all'Ischia Film Festival 2018: Salvatores, Muccino, Verdone e Greenaway

Gabriele Salvatores, Gabriele Muccino, Carlo Verdone e Peter Greenaway: quattro forme di fare cinema, quattro orizzonti cinematografici all'Ischia...
Nel docufilm ‘Terra Bruciata’ le ragioni di una medaglia al Valor Civile per Giulianova

Nel docufilm ‘Terra Bruciata’ le ragioni di una medaglia al Valor Civile per Giulianova

Il progetto del film documentario “Terra Bruciata” nasce dall’incontro tra il regista Luca Gianfrancesco e il prof. Giuseppe Angelone, docente di...
Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

Il registra abruzzese Davide Lupinetti dalla San Francisco State University al corto ‘50 e 50’

E’ un patto, un accordo. Una idea che nasce dall’intelligenza di una bambina, Giovanna, per sfuggire a un dovere. Un piccolo stratagemma, forse furbo...
Face the wonder: Festival dei due mondi di Spoleto

Face the wonder: Festival dei due mondi di Spoleto

Si svolgerà dal 29 giugno al 15 luglio il Festival dei Due Mondi di Spoleto 2018. Alla sua 61a edizione, la rassegna – presentata in conferenza...
‘Loro’ di Paolo Sorrentino, due parti tra cronaca e fantasia

‘Loro’ di Paolo Sorrentino, due parti tra cronaca e fantasia

In programmazione i due film di Paolo Sorrentino, Loro 1 e Loro 2, protagonisti in ambedue Toni Servillo e Elena Sofia Ricci. Non entro nel merito...

Weekly in Italian

Recent Issues