Dalla piazzetta al mare cristallino presidiato dagli yacht basta un giorno per innamorarsi di Portofino

Dalla piazzetta al mare cristallino presidiato dagli yacht basta un giorno per innamorarsi di Portofino

La minuscola Portofino, che conta appena 500 residenti permanenti, è una delle più celebri mete turistiche della Riviera Ligure (Ph Laura Rossi)

Scendendo dal battello che conduce a Portofino, in questo tratto di costa così brullo e selvaggio, la sensazione è di trovarsi davanti a una perla che brilla di luce propria. 
Vista dal mare è una macchia composta di case colorate, secondo il classico stile ligure tradizionale, circondate da un rigoglioso verde che caratterizza questa riserva. Eppure, nel suo piccolo centro urbano, non è sicuramente la natura a prevalere. Nonostante le frotte di turisti che ogni giorno sbarcano per poter vivere anche poche ore questo luogo, Portofino mantiene un’aura di esclusività. A partire dal fatto che l’ingresso di auto è possibile solo fino a quando vi sia capacità recettiva nel parcheggio: displayer numerico, raggiunto il limite, blocca gli accessi. Ma a rimarcarla sono soprattutto gli yacht da sogno che sostano nelle acque circostanti e battenti le più disparate bandiere di paradisi fiscali. 
 
Portofino è meta privilegiata del jet set e questa esclusività ha sempre aggiunto fascino al mito dell’irraggiungibilità. Gli hotel in questa cittadina sono decisamente cari tanto che per soggiorni più economici è raccomandata la vicina Santa Margherita ligure, località molto gradevole ricca di locali, ristoranti e iniziative per l’estate: è sicuramente più abbordabile. La folla che sbarca dai traghetti si dirige sempre verso il centro del paese dove si trovano i negozi. Nonostante la ricercatezza del luogo, però, nelle vie più strette è possibile trovare anche una gelateria con prezzi democratici, dove gustare un ottimo gelato.
 
Portofino ha un fascino unico: sarà per il suo essere chic, modaiola e fashion, sarà per le griffe esclusive nei negozi, sarà per le meravigliose ville arroccate sul promontorio che sembrano dominare la situazione o perché, per sentirsi parte, anche solo per un momento, di questa magica realtà, basta sedersi a prendere un aperitivo in uno dei bar sulla riva destra dove i posti in prima fila sono collocati sul molo, su morbidi cuscini con tavolini improvvisati, dove vi verrà servita una bottiglia di spumante, qualche snack e l’immancabile spritz. Basterà stare lì a chiaccherare mentre il sole lentamente cala e gli ultimi battelli lasciano Portofino, portando via gli ultimi curiosi, per innamorarsi definitivamente del luogo.
Osservando Portofino dal molo centrale, può sembrare impossibile l’idea di farsi un bagno in mare e invece questa località, e la vicina Paraggi, nascondono delle belle spiagge protette dal vento e con acque calme ed estremamente limpide che confermano la sua appartenenza ad una riserva naturale. 
 
Plinio il vecchio, scrittore dell’antichità romana già parlava di questo borgo marinaro, elogiando il fatto che nelle sue acque nuotavano i delfini. 
La spiaggia di Paraggi è una meta immancabile per chi ama fare immersione, come lo è la meno vicina baia di San Fruttoso con il famoso monastero e il piccolo borgo, raggiungibili solo via mare. Proprio sui fondali della spiaggia di Paraggi si trovano coralli rossi di grande splendore e un  relitto di una nave lì presente dal 1917: un luogo magico per chi ama il mondo sottomarino. E’ una località che affascina sia in superficie che in profondità non lasciando scontento proprio nessuno: dagli amanti della natura ai turisti più glam!
 
Lasciato il nucleo storico, gli amanti del trekking e della natura avranno la loro soddisfazione nel percorso che porta alla visita dell’eremo Romitorio  di Sant’Antonio Nasca tra Portofino e Paraggi. Nella stessa area saranno visitabili anche il castello Brown del XVI secolo e Batteria Punta Chiappa. Un tuffo nella natura e nel passato che merita una camminata nel sentiero boscoso circondato dal profumo dei Lecci e  dei pini e dall’aria salmastra che arriva dal mare.
 
Sicuramente Portofino è per molti irraggiungibile per una vacanza continuativa, ma da tutti è vistabile anche per un solo giorno. Dal suo porto possiamo guardare quel mare infinito che la bagna dove tutte le vicende umane si disperdono fra i rumori delle onde mentre il brulicare della vita corre tra le sue case colorate che ci sembra di aver già visto mille volte tra copertine di giornali, set di film e pubblicità glamour. 

Receive More Stories Like This In Your Inbox

SPONSORED

Recommended

Lasciatevi incantare dalla Spiaggia delle due sorelle lungo l’affascinante promontorio marchigiano del Conero

Lasciatevi incantare dalla Spiaggia delle due sorelle lungo l’affascinante promontorio marchigiano del Conero

L’Italia è ricca di coste per questo non mancano luoghi dove poter godere del mare soprattutto durante la bella stagione. C’è chi ama le spiagge...
Il fascino del golfo, un promontorio roccioso, fresche pinete spiagge sabbiose e acque cristalline: eccoci a Talamone

Il fascino del golfo, un promontorio roccioso, fresche pinete spiagge sabbiose e acque cristalline: eccoci a Talamone

Se parliamo di Toscana e di borghi ci vengono in mente sicuramente i tanti paesi che punteggiano le colline, ma esistono anche una serie di paesi...
Liguria magica: nel piccolo borgo di Triora dove nel ‘500 si tenne la più grossa caccia alle streghe d’Italia

Liguria magica: nel piccolo borgo di Triora dove nel ‘500 si tenne la più grossa caccia alle streghe d’Italia

Arroccata nel suo nome breve e compatto, stretta nella forza aspra delle sue sillabe, Triora evoca fortezze inespugnabili, castelli e feritoie,...
Molise, dove la guerriera Giuditta cambiò il corso degli eventi

Molise, dove la guerriera Giuditta cambiò il corso degli eventi

In età preromana il Molise era parte del Sannio, un territorio abitato dai Sanniti. Venne in seguito conquistato dai Romani. Nel periodo tardo-antico...
Verona ha il balcone di Giulietta, Venezia l’affascinante leggenda del ‘cuore di mattoni’ di Orio e Melusina

Verona ha il balcone di Giulietta, Venezia l’affascinante leggenda del ‘cuore di mattoni’ di Orio e Melusina

C’era una volta Orio, un giovane pescatore che nel corso dell’ennesima nottata passata al largo, tra le sue reti, trovò una sirena di nome Melusina...

Weekly in Italian

Recent Issues